Bride hair: idee e consigli per scegliere l’acconciatura perfetta

Ci siamo, avete scelto il vostro abito da sposa ed è ora il momento di decidere come pettinare i capelli. L’acconciatura può essere un ottimo stratagemma per valorizzare i lineamenti del viso e nascondere qualche difetto, ma come scegliere quella perfetta per voi?

Ci sono 3 elementi essenziali da tenere a mente: il modello di abito scelto, lo stile dell’evento, la forma del vostro viso.

 

Raccolto.

Pettinatura raccolta per abiti accollati, con spalle coperte o comunque molto elaborati. A questo proposito non possiamo che pensare al modello indossato da Meghan Markle per il ricevimento, un abito di seta con scollo all’americana per il quale la duchessa di Sussex ha giustamente scelto un raccolto morbido, proprio per equilibrare il collo alto del vestito. Questo tipo di acconciatura è ideale per volti sottili, ovali o tondi, poiché mette in evidenza i lineamenti.

Capelli sciolti.

Passiamo alla soluzione opposta, cioè i capelli lunghi lasciati morbidi e sciolti sulle spalle. Che siano lisci, mossi o ricci, semplici o decorati da velo, corona di fiori o fermaglio, i capelli sciolti saranno perfetti, al contrario del raccolto, per abiti molto scollati. Per equilibrare le spalle lasciate nude da un corpetto a cuore, profonde scollature o tagli bardot o a barca, lasciare i capelli sciolti potrebbe essere la soluzione giusta per voi. In particolare, scegliete di lasciare i capelli sciolti se avete lineamenti marcati, volto squadrato o tondo per dare verticalità.

Treccia o raccolto morbido.

La treccia sarà perfetta se indosserete un morbido modello di chiffon monospalla o stile impero. Fate in modo, però, da non chiudere la vostra acconciatura troppo stretta, una pettinatura troppo strutturata vi farà apparire artificiose e innaturali, preferite piuttosto una pettinatura morbida, magari arricchita da piccoli fiori o un fermaglio abbinato a un particolare dettaglio dell’abito! Questa pettinatura, così come il raccolto, è ideale per un viso ovale o tondo.

Wavy.

Alcune credono erroneamente che questo stile si possa associare semplicemente al mosso, ma non è esattamente così: i capelli ondulati basano l’effetto sul volume, mentre il wavy gioca sul movimento. Si tratta di onde piuttosto definite, ma con effetto naturale. Nella fase finale della messa in piega, infatti, si crea un effetto “spettinato”, mettendo i capelli un po’ in disordine. Questo stile è perfetto per matrimoni all’aperto, shabby, country o gipsy, ideale per un volto triangolare, cioè con fronte stretta e mascella pronunciata o squadrata. Il wavy può essere abbinato anche a una frangia che dia volume e movimento alla parte alta del volto.

Taglio corto.

Alcuni ritengono che un taglio corto sia limitante nel caso specifico delle spose, ma non sempre è vero. Ci sono tantissimi accessori capaci di dare un tocco davvero unico a un taglio corto per le future spose! Scegliete, ad esempio, un cappellino con veletta se indosserete un modello corto o con gonna a ruota stile anni Cinquanta. Ancora, impreziosite l’acconciatura con un fermaglio gioiello se il vostro abito è a sirena o dal taglio ad A. Preferite un piccolo diadema e un lungo velo per l’abito principesco e optate per fiori nei capelli o intrecciati in una coroncina per un abito morbido in stile country chic o bohémien.

Insomma, mie care future spose, spero di avervi dato consigli utili per la scelta della vostra acconciatura perfetta.

Vi aspetto al prossimo articolo!

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *