Guida pratica alla scelta della scollatura perfetta

Ciò che confonde spesso le future spose è l’incredibile varietà di abiti, che possono differenziarsi, non solo per modelli, tessuti, tagli e stili, ma anche per scollature! In questa mini guida ai diversi tipi di scolli, spero di fare un po’ di chiarezza e di aiutarvi a scegliere il vostro bride dress perfetto!

Innanzitutto, ricordate che ogni scollatura va considerata anche nell’insieme dell’abito e che alcune posso essere più adatte di altre a completare un certo outfit, anche se magari pensandole singolarmente non vi convincono. Il mio consiglio è soprattutto quello di dosare bene ciò che lasciate scoperto e ciò che coprite, di non mettere troppo in risalto un seno prosperoso e di dare forma ai fisici più minuti.

Come per ogni cosa, più di tutto contano l’equilibrio e l’armonia, perciò scopriamo insieme tutte le scollature e come scegliere quella giusta!

Scollo a cuore

Adatto a spose con un seno nella norma, né troppo formose, né minute, poiché si tratta di un’apertura che necessita di essere riempita, ma che non deve lasciare intravedere troppo, rischiando altrimenti di diventare volgare. Lo scollo a cuore è davvero molto romantico e amatissimo dalle spose di tutto il mondo, poiché, a dispetto di quanto si possa pensare, dona con facilità a diversi tipi di fisico e può essere arricchito da boleri, coprispalle e stole preziose, dando l’idea di un abito sempre diverso nei vari momenti dell’evento.

 

Scollo tondo

Versatile, classico, adatto a diversi tipi di fisicità, particolarmente indicato per abiti romantici, principeschi, country o boho chic. Molto di moda negli ultimi anni, abiti con corpini estremamente semplici, dallo scollo tondo e senza maniche e con uno stacco notevole all’altezza della gonna, ampia, vaporosa e ricca.

Scollo a barca

La scollatura che fa subito anni ’50, con quel tocco rétro che ha fatto impazzire moltissime spose nel corso degli anni, un intramontabile classico mai passato di moda. Forse non tutte sanno che questo tipo di scollo è perfetto per esaltare il decolleté e per dare forma anche ai fisici più esili.

Scollo bardot

Com’è facile immaginare dal nome, questo tipo di scollatura è stato reso celebre dall’icona di stile anni ’60 Brigitte Bardot. Si tratta di un’apertura meno profonda di quella a barca, ma che lascia comunque scoperte le spalle, disegnando una linea retta e stretta.

Scollo diritto

Simile allo scollo a cuore, ma senza la curva del seno, traccia una linea retta per bustini semplici, lisci o ricamati. Può essere perfetto sia per abiti a sirena, che per modelli estremamente moderni, semplici o strutturati, e dona a spose con seno grande, purché si indossi il reggiseno giusto!

Scollo omerale

Anche in questo caso si tratta di una scollatura molto romantica, spesso rintracciabile negli abiti in pizzo e accompagnata da maniche corte o comunque molto leggere, di velo o merletto. Essendo uno scollo piuttosto ampio, è perfetto per spose dal busto piccolo e dai fianchi larghi, poiché porta l’attenzione alla parte superiore del corpo, equilibrando la figura.

Scollo all’americana

Per molto tempo non è stata considerata una scollatura “da sposa”, anche perché non dona a tutte ed è molto moderna, caratterizzata da spalline chiuse dietro la nuca, che lasciano una grande porzione di spalle scoperta, mettendo in risalto collo e braccia.

Velo o ricamo

Può essere una variante dello scollo a cuore o di quello diritto e prevede una sorta di completamento del corpetto: anziché lasciarele spalle scoperte, la parte superiore del busto, eventualmente fino al collo e alle maniche, è “vestita” di un tessuto leggero come velo o pizzo.

Apertura profonda sulla schiena

Non semplice da indossare, è un tipo di apertura che necessita di un portamento elegante, un fisico asciutto e sinuoso e di non troppe imperfezioni della pelle, soprattutto nell’ampia zona lasciata scoperta da questo scollo “a rovescio”. Perfetta per spose dal seno minuto e che non necessitano di indossare reggiseni troppo ingombranti.

 

Al prossimo articolo!

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *