Sì Sposaitalia: tutte le tendenze 2020 della moda sposa

La Fiera Sì Sposaitalia di Milano si è confermata come l’evento più atteso dell’anno nel mondo del wedding, un appuntamento imperdibile, durante il quale si definiscono i nuovi trend della stagione. Tantissimi gli espositori provenienti da tutto il mondo e le più celebri firme della moda sposa e cerimonia viste in salone e in passerella. Per gli operatori del settore una vera ispirazione, uno spazio dedicato alle novità, presentate in modo sempre nuovo e originale. Oltre che sul palco della Fashion Hall, le modelle hanno passeggiato per i corridoi della fiera, indossando gli abiti di punta delle collezioni più illustri e presentando al pubblico modelli da sogno firmati da stilisti famosi e non. Tra i must del 2020, hanno lasciato il segno tessuti romantici e leggeri come l’aria, paillettes (tantissime!), ricami preziosi, colori pastello e un tocco unconventional, per spose moderne e dinamiche.

Sono stati abbandonati del tutto gli stereotipi e si è celebrata la donna attraverso le mille sfaccettature della sua personalità, come nel caso degli abiti firmati Elisabetta Polignano, che hanno stupito ed emozionato, complice anche l’arrivo in passerella di dolcissime baby damigelle. Abiti colorati che non sono certo passati inosservati, presentati in modo del tutto innovativo, con modelle che, smartphone alla mano, hanno scattato selfie, ciascuna col proprio alter ego in miniatura.

Instagram @epolignano

Meno concreta e più eterea la sposa di Enzo Miccio, disegnata attraverso i movimenti lievi e svolazzanti di tulle, velo, ricami eleganti e tessuti plissé. Si conferma un grande classico della moda bride, il fiocco, molto amato dai designer, sia in versione romantica, morbido sulla schiena o piccolo sul davanti, a chiudere il taglio del corpino, sia nell’interpretazione moderna, grande e strutturato, asimmetrico e accompagnato da ruches.

Sposa – regina per Emiliano Bengasi e Amelia Casablanca: entrambi i brand hanno presentato in passerella abiti sontuosi, ampi, ricchi e decorati. La sposa di Bengasi è a metà tra una moderna imperatrice e una principessa dei boschi, basti pensare al romantico (e molto voluminoso) abito completamente ricoperto di piccole farfalle tone sur tone applicate sul tessuto, dalla sommità del corpetto alla gonna e allo strascico.

Casablanca, invece, interpreta la sposa come moderna matrona, una dama dal portamento fiero ed elegante, con veli a mantiglia lunghissimi o corti sulle spalle, applicazioni di fiori, ricami preziosi e gonne ampie. Sia Bengasi, che Casablanca hanno scelto di far indossare alle loro modelle coroncine d’oro o di fiori.

Romantico bohémien per Maison Signore, che già dall’allestimento dell’ampio stand, con soffitto decorato da piante, fiori e grandi lampadari di cristallo, presenta al pubblico una sposa “trasformista”, con abiti personalizzabili e composti da diverse parti e accessori. Gonne staccabili, copri spalle, stole, modelli scivolati con strascico diventano bride dress a sirena, vestiti sognanti, con ampie maniche di velo e ricami, rivelano corpini a cuore grazie a boleri leggeri, da indossare o togliere a proprio piacimento.

Fuori salone per Antonio Riva, che apre le porte dell’atelier a un party esclusivo, durante il quale gli ospiti hanno potuto ammirare un’anteprima della collezione 2020: anche in questo caso, sorprende e piace l’abito da sposa colorato, in una sfumatura a metà tra il cipria e il rosa antico. Alcuni modelli realizzati nel classico stile di Riva, lisci, strutturati, simili a sculture di design, ma al contempo leggeri e delicati, con la continua ricerca di volume attraverso balze e ruches, altri più dolci e morbidi, come l’abito in stile impero, ancora una volta in rosa e con applicazioni di fiori colorati.

Insomma, colori, dettagli luccicanti, applicazioni di fiori, ricami e tessuti plissettati caratterizzeranno la moda sposa del 2020, ma soprattutto la donna in una nuova veste, più giocosa, libera da qualsiasi vincolo imposto dalla società, libera di scegliere di indossare un abitino corto Blumarine o un ampio e regale modello Bengasi, un abito strutturato di Antonio Riva o un modello colorato di Polignano. Una sposa libera di essere sé stessa, libera di non prendersi sul serio, libera di essere sposa, ma anche mamma, imprenditrice, creativa, sognatrice.

Una donna libera nelle mille interpretazioni viste in questa edizione di Sì Sposaitalia 2019.

 

Condividi su...
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *